Cantiere permanente

Cominciai a fotografare all'età di dodici anni quando, in occasione della gita scolastica a Roma, il papà mi regalò la prima macchina fotografica
Da allora ho scattato molte migliaia di fotografie e all'inizio degli anni 2000, abbandonando la pellicola, passai lentamente e con una certa riluttanza al digitale.

Sono però nostalgicamente affezionato alle mie foto antiche ed ora, finalmente a riposo, ho il tempo per digitalizzare i miei numerosi negativi; e al momento della scansione del fotogramma il lento formarsi dell'immagine allo schermo del computer mi provoca un’emozione simile a quella che molti decenni fa, nella rossa penombra della camera oscura, provavo nell'assistere alla lenta e miracolosa apparizione delle mie fotografie nella carta immersa nell'acido!

La fotografia digitale ha eliminato questa ed altre emozioni ma amo ancora molto fotografare ed è perciò che questo sito è un cantiere permanente di nuove piccole gallerie, o slide show, che via via si aggiungono alle precedenti.
- Fabrizio -